AD10S DIEGO

Tutto il mondo stupito compiange questo suo figlio di sport dotato di magia e sregolatezza. L’ACN porge a tutti coloro che lo hanno amato, per il suo genio calcistico, le profonde condoglianze per l’immatura e tragica scomparsa, ricordandolo con tanto affetto per averci concesso di dire “noi c’eravamo ed abbiamo potuto vederlo“.

Un personaggio che abbiamo avuto modo di apprezzare – nonostante gli indubbi e mai celati difetti comportamentalI – per il suo ardore sociale. Diego pur da ricco, combatteva le disuguaglianze ed il potere per dimostrare che si può battere chiunque con l’umiltà e la bravura.

Lo ricordiamo così in queste immagini e non ci sono altre parole se non essere vicini ai tifosi del Napoli che hanno avuto il privilegio di sentirlo loro amico, loro guida, loro mentore e fratello in ogni quartiere di Napoli.

Una privilegio che nessun altro poteva dare a Napoli ed ai tifosi partenopei se non lui con il suo modo di essere campione e simbolo.

Noi italiani dobbiamo fare anche una severa autocritica, per quando, nel 1990 abbiamo fischiato lui e la squadra argentina. Non lo meritavano. Lo abbiamo costretto ad insultarci pubblicamente in TV, quando lui ci regalava i suoi gioielli in campo.

Arrivederci DIEGO. Ora il cielo ha un numero 10 per le partite tra le nuvole.


 

Fonti immagini:  © Spazio Napoli ; Channel 4